Lombardia, un terzo degli imprenditori arriva da “fuori”

La Lombardia continua a confermare la propria attrattività anche come polo imprenditoriale, raccogliendo un numero importante di imprese fondate o guidate da persone che non sono originarie di Milano e dintorni. Non è quindi un caso se in Regione quasi un terzo degli imprenditori (31,7%) arriva da altre regioni o dall’estero (433 mila su 1,4 milioni). Il dato è decisamente maggiore rispetto alla media italiana, dove sono 1,8 milioni gli imprenditori che lavorano fuori dalla regione di origine, il 24,3% del totale.

Milano la prima area di attrattività imprenditoriale

La prima area per attrattività imprenditoriale extra regionale è Milano. Nel capoluogo, infatti, quasi la metà degli imprenditori arriva da fuori Lombardia (45,3%, 246 mila su 544 mila). La seconda città in Italia per questo tipo di fenomeno è Aosta (40,7%, 7 mila su 18 mila), mentre al terzo posto si colloca la piemontese Novara (39,1%, 16 mila su 41 mila). In questa classifica degli imprenditori “fuori sede” seguono nell’ordine Imperia (38,9%), Trieste (38,2%) e Roma (38%). Percentuali superiori al 30% anche per Prato, Savona, La Spezia, Genova, Bologna, Pordenone, Alessandria, Rimini, Firenze, Siena, Reggio Emilia, Massa Carrara, Parma, Torino, Piacenza, Gorizia, Pavia e Isernia. Questa originale analisi emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati del registro delle imprese al primo trimestre 2017 sulle persone che hanno cariche nelle imprese, sia come titolare ma anche come soci e amministratori. Le rilevazioni hanno preso in considerazioni soltanto le persone attive.

Lombardia, campionessa di appeal per chi fa impresa

La Lombardia, appunto, si conferma l’area italiana che attira più imprenditori da fuori regione. Analizzando le città lombarde, dopo Milano che è prima in questo ambito con 246 mila imprenditori nati fuori regione, vengono Brescia con 31.523, Varese con 28.819, Monza e Brianza con 27.600 e Bergamo con 23.779. In totale sono quasi 1,4 milioni le persone che ricoprono cariche di impresa in Lombardia nel 2017: di queste, 933 mila sono lombardi e 433 mila, pari al 31,7%, sono nati fuori regione. Tra questi ultimi ci sono 33 mila siciliani, 30 mila pugliesi e campani, 27 mila piemontesi e circa 25 mila veneti e calabresi.

A Milano solo un imprenditore su due è di… Milano

L’analisi mette in luce anche altri aspetti interessanti, ad esempio la provenienza degli imprenditori attivi a Milano e dintorni. Nel capoluogo, solo poco più della metà degli imprenditori (54,7%, ovvero 298 mila persone) viene dalla Lombardia. Le restanti cariche sono occupate prevalentemente da pugliesi (20.313), siciliani (18.321), campani (17.684) e piemontesi (17.491).